11

Ago, 2016

…L’ATLETICA LEGGERA

By: | Tags: | Comments: 0

L’Atletica leggera è un insieme di discipline sportive che possono essere sommariamente suddivise in: corse, concorsi (lanci  e salti ), corsa su strada , marcia  e corsa campestre .
La parola atletica deriva etimologicamente dal latino athletica (sottinteso artem ‘tecnica’) da athleta che a sua volta deriva dal greco athletès da athlos ‘lotta’. Gli eventi di atletica leggera vengono di solito organizzati attorno a una pista ad anello della lunghezza di 400 m, sulla quale si svolgono le gare di corsa. Le gare di lanci e salti invece, si svolgono sul campo racchiuso dalla pista. Molte delle discipline dell’atletica leggera hanno origini antiche, e si tenevano in forma competitiva già nell’antica Grecia . L’atletica leggera venne inserita nei Giochi Olimpici  fin dall’edizione del 1896 , e da allora fa parte del programma olimpico. Il corpo di governo internazionale dell’atletica leggera, la IAAF (International Association of Athletics Federations), è stato fondato nel 1912 . La IAAF organizza i Campionati del mondo di atletica leggera , con scadenza biennale. La prima edizione si è svolta nel 1983 ad Helsinki . In Italia, l’attività dell’atletica leggera è regolata dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera  (FIDAL). L’atletica rappresenta lo sport di base, uniformemente diffuso nel mondo e perno insostituibile dei Giochi Olimpici.

Con questa rubrica  si intende fornire un’informazione, su cosa é l’atletica leggera, per tutti coloro che si sono da poco avvicinati ad essa, partendo da alcuni cenni storici, fino alla descrizione delle varie specialità. L’Atletica si suddivide come già detto in 4 settori:

Le Corse
I Salti
I Lanci
– Prove Multiple

Ogni specialità richiede doti atletiche, preparazione e allenamenti specifici.
I livelli agonistici si raggiungono con lunghi programmi di allenamento che richiedono un’altissima motivazione in uno sport che offre tante soddisfazioni ma anche tanto sacrificio. Per questo motivo i campioni delle specialità di atletica leggera vengono percepiti dal grande pubblico come “eroi dello sport”.
Anche la storia, così antica (col nome di “atletica” si identificava l’insieme delle gare che furono alla base dei Giochi Olimpici, iniziati nel 776 a.C. in Grecia), contribuisce a conferire a queste discipline un aura di sacralitat_leggera grandefà.

Piste e Pedane
Premesso che nessun risultato ottenuto dagli atleti sarà valido se non realizzato durante una gara ufficiale ed usando esclusivamente attrezzature conformi alle regole della I.A.A.F., la pista (anello di forma ovale che delimita il prato) deve essere, obbligatoriamente, lunga 400 metri. Può contenere 6 o 8 corsie (8 obbligatorie nelle gare internazionali) larghe 1,22 metri e costruite con materiale in resina sintetica-gommosa.
Le gare dei “concorsi”, cioè le specialità di salto (alto, lungo, triplo, asta) e di lancio (peso, disco, giavellotto, martello) normalmente sono svolte all’interno della pista.
Le pedane del peso, del disco e del martello hanno forma circolare. Quest’ultime due, per le caratteristiche tecniche del lancio (azione rotatoria e gittata lunga dell’attrezzo) sono circondate da una gabbia di metallo con rete protettiva.
Per le gare di corsa il cronometraggio dei tempi, una volta manuale, è oggi completamente elettronico (o automatico), preciso al millesimo di secondo e consente sia l’esatta valutazione della partenza dai blocchi, sia i tempi di reazione allo sparo dello starter

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento